Quello che vorrei dire e non dico a qualcuno, a tutti, a nessuno

Solamente, penso, che forse è arrivato il momento di smettere. E con queste inutili bugie e con queste maledette ossessioni. E questo continuo scansare il mondo. Ché il mondo non è cosa che si lascia scansare, che ti lascia andare senza farti almeno una domanda. E anche le persone, quelle che incontri, magari sì, si scansano. Ma poi presentano il conto. Loro o chi per loro.
Forse è arrivato il momento di smettere con questo gioco in cui nessuno vince. Davvero, ci sono delle cose che devono essere fatte. Altre cose. E non è più il momento di scansare il mondo, scansare la vita, mettere da parte l’altro, come fosse un fastidio, come fosse un intralcio, come fosse uno scalino troppo alto. Scansare l’altro se non è funzionale alla visione utilitaristica e scarsamente orginale che hai della vita.
Solamente, penso, che forse è arrivato il momento delle risposte, anche se non è mai stato, per te, quello delle domande. E di guardarsi allo specchio, letteralmente, e accorgersi del disfacimento. Accorgersi dell’ombra.
Scoprire e gestire la distanza tra la realtà e l’immaginazione distorta e alterata. E scoprire anche da che parte gira davvero il mondo e intorno a cosa, eventualmente. Riconoscere l’incalcolabile mole di debolezza e inadeguatezza che ti porti appreso. E l’abisso di incapacità in cui annaspi, e le lacune in cui cerchi di non affogare.
Prima che la montagna di merda su cui hai costruito la tua vita si sfaccia. Prima che qualcuno si faccia male, più di quanto non sia già successo. Più di quanto non stia per succedere.
Senza aspettare che sia l’altro che tu scansi, eviti e ignori a domandare, porre rimedio, risolvere. Senza costringere l’altro a benedire ed assolvere i tuoi peccati. Senza portare l’altro ad affogare nei tuoi gorghi. Senza costringere l’altro a viverti mentre tu hai sempre meno a che fare con la vita.
Senza nascondersi, senza bluffare. Senza manomettere.

foto archivio Mia
0
(Visited 29 times, 1 visits today)

0 Comments

  1. mia parissi 13 Giugno 2011 at 12:37

    Ecco! Brava! La mancanza di creatività! Hai riassunto perfettamente la questione.

    🙂

    Reply
  2. soulPoleTelescope 12 Giugno 2011 at 12:46

    Sì, in effetti le visioni utilitaristiche sono spesso le meno originali. E ciò che fa male, alla fine, non è tanto la ‘ristrettezza etica’ quanto la mancanza di creatività….

    🙂

    Reply

Leave A Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *